L’INVOLUCRO EDILIZIO AUTOSUFFICIENTE

“Facciate, rivestimenti e serramenti sono responsabili fino al 30% dei consumi nelle costruzioni. Ma senza una cultura aggiornata e più diffusa del ruolo di questi elementi nel bilancio energetico complessivo degli edifici, non sarà facile soddisfare la crescente domanda di costruzioni a minore impatto energetico e ambientale”.

Una certezza consentitaci – spiega Milanesi – grazie a partner tecnologici come Schuco, Metra, Alucobond, Screenline e altri marchi di livello qualitativo superiore: oggi integralmente impegnati nella corsa alla riduzione dei consumi energetici nel campo della edilizia sostenibile”.

E quanto siano determinanti le scelte progettuali e di prodotto che attengono l’involucro edilizio, nell’ottica di realizzazione di un edificio commerciale o residenziale completamente autosufficiente da un punto di vista energetico, ce lo ricorda anche la Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia. Secondo gli energy manager della FIRE, infatti, soluzioni poco efficienti nelle scelte dei serramenti e del rivestimento di un edificio, possono essere responsabili fino a un terzo delle dispersioni energetiche totali!

“SAP Sistemi – continua Milanesi- è certamente pronta alla sfide del presente, ma è al futuro che guarda con maggiore interesse. A livello energetico il guscio dell’edificio sarà sempre più importante rispetto al suo contenuto: diventerà intelligente e si adatterà al contesto ambientale, fino a potere generare surplus di energia.

In effetti come da Raccomandazione Europea 2016/1318, dal 1 gennaio 2019, gli edifici di nuova costruzione occupati dalla pubblica amministrazione e di proprietà di quest’ultima, dovranno rientrare nella definizione di edificio ad “energia quasi zero” (mentre per gli edifici privati tutto è rinviato al 2021). Ci si muove dunque in direzione di parametri energetici e valori di trasmittanza termica sempre più stringenti. Come potremmo arrivarci?

“SAP Sistemi interviene dalla progettazione alla posa in opera, dunque ha sotto controllo l’intero processo di costruzione. E’ un fattore determinante quando sono in gioco esigenze di risparmio energetico avanzate, poiché è dal posizionamento integrato delle diverse tessere che il mosaico può risultare perfetto. Ma concorrere alla costruzione di edifici a emissioni zero, cosa già praticabile per la nostra realtà aziendale, non è il punto di arrivo. Possiamo andare oltre”.

Ricordiamo che tutti i rivestimenti nelle varie tipologie di materiali permettono di accedere alle detrazioni fiscali.
L’ambito dell’ efficienza energetica non deve far dimenticare le altre importantissime esigenze del cliente attuale, il comfort abitativo (tutte le tecnologie per un migliore utilizzo dell’involucro esterno, dalla microventilazione, all’apertura a 180’etc), la sicurezza (con sistemi certificati con classi antieffrazione superiore) l’estetica (maniglie di design, scorrevoli panoramici a tutto vetro, finiture di pregio, elementi innovativi).

Si stanno ipotizzando progetti edili che vanno al di là dell’autosufficienza, ma possono addirittura funzionare come generatori di energia. Allude a questo?

“Sì, i nuovi orizzonti dell’architettura energetica ci dicono di tenerci pronti a edifici a surplus energetico e anche qui possiamo fare la nostra parte: sia come consulenti, sia come fornitori di tecnologie all’avanguardia”.
Tutto questo non deve farci dimenticare il presente mercato delle ristrutturazioni. Il patrimonio immobiliare italiano è un colabrodo energetico.
“Pensiamo ai condomini in Italia: che come gran parte degli edifici esistenti, soffrono di un grave stato di inefficienza energetica. Secondo i dati incrociati delle diverse associazioni di amministratori di condominio, oltre il 60% di queste unità ha un impianto di riscaldamento vecchio di più di 15 anni, spesso ancora funzionante a gasolio, con grossi costi per cittadini e ambiente; mentre il 23% del totale di questi edifici, dove statisticamente abita più di un italiano su due, può definirsi in pessimo stato di conservazione”.

Dunque, cosa devono fare condòmini e amministratori di condominio?

“Attraverso l’adozione di facciate continue, infissi speciali, rivestimenti ventilati, pannelli compositi e altre soluzioni che SAP conosce e applica in maniera integrata, devono sfruttare i bonus per la riqualificazione energetica, con detrazioni fiscali che possono arrivare al 65%. Serve però più informazione a riguardo, le scadenze comunitarie si stanno avvicinando e occorre agire in fretta. Facciate, rivestimenti e serramenti sono responsabili fino al 30% dei consumi nelle costruzioni. Ma senza una cultura aggiornata e più diffusa del ruolo di questi elementi nel bilancio energetico complessivo degli edifici, non sarà facile soddisfare la crescente domanda di costruzioni a minore impatto energetico e ambientale”.

 

 

5 pensieri su “L’INVOLUCRO EDILIZIO AUTOSUFFICIENTE

I commenti sono chiusi.